Turbine auto

Turbine auto come funziona

[extra_wrap custom_class=”inset-2″]

scopriamo insieme le turbine auto

[/extra_wrap]

Il componente principale di una autovettura è il motore che, per essere davvero efficiente e garantire un’ottima prestazione, necessita di una turbina di qualità e del relativo turbocompressore.

Cos’è e come funziona precisamente una turbina auto?

Difficoltà a capire qual è l’importanza di una turbina?

Ve lo spieghiamo noi di Centro Turbine Latina!

Cominciamo col dire che la turbina, insieme al compressore, è un componente necessario ad attivare il “turbocompressore”: turbina e compressore hanno forma di giranti, sono dotati di palette e sono collegati da un alberino. La turbina è inserita in un alloggiamento a forma di chiocciola nell’impianto di scarico; il compressore, invece, è alloggiato in quello di aspirazione.

Nello specifico, la turbina si attiva con i gas di scarico dell’auto e inizia a girare mettendo in movimento il compressore; quest’ultimo aspira l’aria fredda che sarà poi compressa. Durante questo processo, quindi, la turbina, girando, riesce a rendere disponibile una specifica quantità di energia al compressore, sfruttando i gas di scarico e la loro energia che altrimenti andrebbe sprecata; il compressore incrementa la pressione dell’aria aspirata e manda il getto verso la camera di combustione.

La velocità della turbina sarà regolata in base all’automobile dove sarà installata – come spiegheremo meglio di seguito. Vengono utilizzate allo scopo delle valvole di sfogo dei gas di scarico, chiamate “wategate”, da porre sul compressore per regolarne la forza.  La loro funzione è quella di ridurre o eliminare i gas in eccesso così da evitare che la turbina giri eccessivamente e si rompa o causi un malfunzionamento dell’auto.

Più sarà l’aria diretta nella camera di combustione dal compressore, più alta sarà la velocità con cui ruota la turbina e viceversa.

Turbine a geometria fissa e variabile: come scegliere?

A seconda della sua forma la turbina si differenzia in turbina a geometria fissa e turbina a geometria variabile.

E a seconda del tipo scelto, il turbocompressore avrà caratteristiche diverse e differenti capacità di sovralimentazione.

[star_list] Il primo tipo, la turbina a geometria fissa, è costituito da un girante con palette fisse, con una posizione non modulabile in base alla pressione generata dall’interno del motore: i gas caldi di scarico entrano nel turbocompressore senza che possano essere modulati dalla turbina. Queste turbine sono quelle montate generalmente sulle auto di serie, perché le più adatte a lavorare con livelli di potenza e pressione non eccessivi.[/star_list]

[arrow_list]Il secondo tipo di turbina, quella a geometria variabile, ha invece palette mobili che cambiano posizione e inclinazione a seconda della pressione interna del turbocompressore, regolando la quantità di gas di scarico che entra nel turbocompressore. Permetterebbe, quindi,  più adattabilità a ogni regime del motore, modulando la pressione generata in base alla potenza espressa dal motore in quel momento.[/arrow_list]

E’ il tipo di turbina montata nelle auto con motori di una certa potenza o nel caso di elaborazioni, più adatta ad alte velocità.

E se stai cercando il meglio per la turbina della tua automobile, da noi trovi gli specialisti giusti e ottimi consigli  per ogni modello d’auto.

[posts_grid columns=”3″ rows=”1″ order_by=”date” order=”DESC” lightbox=”yes” meta=”yes” link=”yes”]

Turbine auto: prezzi

Le turbine auto non hanno un prezzo fisso e ogni tipo di auto ha una turbina dalle caratteristiche specifiche. Contatta Centro Turbine Latina se hai bisogno di un preventivo o di un’informazione

Quando va sostituita la turbina auto o quando è necessario revisionare o sostituire il turbocompressore?

Ovviamente in caso di rottura, ma succede spesso che i proprietari di auto non siano attenti alla manutenzione della propria vettura e ritardino o addirittura dimentichino un tagliando. Ecco, questo causa un accumulo di sporcizia sui suoi componenti, un deterioramento irrimediabile del turbocompressore e, infine, la sua rottura. Un’altra causa di deterioramento o di usura prematura del turbocompressore consiste nell’accelerare improvvisamente con il motore a freddo.

E siccome deterioramento e rottura di questi componenti sono un problema serio per il proprio mezzo, noi di Centro Turbine Latina raccomandiamo di trattare al meglio il motore, assicurandosi che sia sempre ben lubrificato, di evitare gli strappi e di far controllare periodicamente la propria automobile.

Alcune volte, però, i danni al turbocompressore sono inevitabili ed ecco quali sono i segnali più comuni che indicano il bisogno di farlo revisionare o sostituire:

Perdita di olio

l’auto lascia chiazze d’olio quando la si parcheggia o lo si trova anche in altre componenti del motore

Fumo scuro con odore di olio bruciato

dal tubo di scappamento esce una densa nuvola nera e la macchina non riesce ad accelerare

Rumore di fischio

si sente un fischio da sotto il cofano della macchina: questo non è sempre un segnale di un problema al turbocompressore, ma è necessario comunque porvi attenzione, soprattutto se il fischio è costante anche in folle e se diventa assordante quando si accelera. In questo caso è probabile che si sia danneggiata la turbina.

Minore potenza in accelerazione

Un altro seppur generico segnale di danneggiamento del turbocompressore potrebbe essere un calo delle prestazioni in accelerazione.

Speriamo di averti dato delle info utili e, a questo punto, se vuoi migliorare le prestazioni della tua auto o se vuoi fare un preventivo… non ti resta che contattarci!!!

Siamo rivenditori autorizzati….

[spacer custom_class=”spacer-2″]

[extra_wrap custom_class=”clients”]

  • client-2
  • client-3
  • client-4

[/extra_wrap]